AVVISO AI NOSTRI CLIENTI

A causa dell'emergenza CoronaVirus, ci sono molte difficoltà a raggiungere tutti i luoghi in Italia, pertanto le spedizioni riprenderanno a partire dal 6 Aprile.

Potete continuare ad inoltrare gli ordini, verranno elaborati in ordine cronologico di arrivo, a partire da tale data.

Albero di Cedro Mano di Buddha

MNDP380
ATTENZIONE Non Disponibile
25,00 €
Tasse incluse

Generalità Albero Cedro Mano di Buddha:

Il Cedro Mano di Buddha è una varietà di cedro coltivato e a scopo ornamentale per bellezza dei suoi particolari frutti a forma di mano e a scopo fitoterapico per le proprietà benefiche della sua spessa scorza ricca anche di un olio essenziale miracoloso per combattere la cellulite.

  • Altezza 150/160cm

Vendita Albero Cedro Mano di Buddha, disponibile nei seguenti formati:

  • Altezza 150/160cm

Generalità Albero Cedro Mano di Buddha:

Il Cedro Mani di Buddha è una varietà di cedro della famiglia delle Rutaceae proveniente dall’Asia diffuso soprattutto in India e Buthan. La pianta caratterizzata da uno sviluppo arbustivo può superare anche  i 4 metri di altezza. Sul tronco liscio e di colore marrone – verdastro si originano giovani rametti rossastri o violetti ricoperti da grandi foglie di colore verde e da grandi spine acuminate lunghe anche qualche centimetro. Durante il periodo della fioritura compaiono grandi fiori intensamente profumati e riuniti in grappoli. I  fiori in boccio sono rossastri mentre aperti sono bianchi. I frutti, gialli e lunghi anche più di 30 centimetri, sono composti da numerose protuberanze a forma di dita dovute ad una malformazione genetica che fa sviluppare gli spicchi separatamente. La buccia della Mano di Budda, molto ruvida e spessa, costituisce circa il  70% del frutto. La polpa di questa varietà di cedro rispetto agli altri agrumi e gradevolmente dolce ma poco succosa.

Coltivazione e Cura Albero Cedro Mano di Buddha:

Il Cedro Mani di Buddha, come tutti gli agrumi, predilige il clima mite e le esposizione in luoghi soleggiati e riparati dal vento.Teme il freddo e le gelate notturne. Ama il terreno soffice, sciolto e ben drenato. La pianta coltivata a dimora generalmente va annaffiata solo durante i periodi di prolungata siccità e comunque come quella allevata in vaso solo quando il terreno è completamente asciutto. La pianta allevata a dimora va concimata con del letame maturo durante l’autunno o a fine inverno mentre per quella coltivata in vaso si consiglia di distribuire alla base del concime a lento rilascio specifico per gli agrumi oppure della polvere di lupino.

Irrigazione
Meno Frequente
Esposizione
Soleggiata
Sviluppo Della Pianta
Normale
Nessuna recensione disponibile
Product added to wishlist
Product added to compare.